• Soggiorno per 2 persone

  • 3 giorni, 2 notti

199,90

Validità 12 mesi dall'acquisto

|

Scopri tutti gli altri pacchetti

Il Sannio: San Lorenzello, nato da un bacio e l’Aglianico - CAMPANIA

Un territorio davvero intenso, quello del Sannio, ricco di tradizioni e storia, quello che vi vogliamo dare qui è solo un assaggio.

Il cofanetto comprende:

  • 2 notti in pernottamento e prima colazione in camera doppia
  • 1 Degustazione in cantina

Il programma

1° Giorno: PARTENZA – TAPPA ALLA REGGIA DI CASERTA – SANNIO

Siamo troppo vicini per non approfittare di fermarci per una visita alla straordinaria

  • Reggia di Caserta: commissionata nel 1751 dal sovrano Carlo III di Borbone al grande architetto Luigi Vanvitelli. A pianta rettangolare, racchiude al suo interno quattro cortili; tutte le facciate della reggia presentano lo stesso schema compositivo, mentre l’avancorpo centrale è sormontato da un timpano. La reggia ha ben 1200 stanze, in cui si aprono 1790 finestre: gli appartamenti reali sono fastosamente decorati con marmi, stucchi, affreschi e dipinti dell’epoca.

Sistemazione in hotel e pernottamento.

2° Giorno: SAN LORENZELLO – GUARDIASANFRAMONDI

Colazione in hotel. Ecco cosa vi consigliamo di visitare oggi:

  • San Lorenzello: paese natale del maestro ceramista Nicola Giustiniani, uno dei più grandi ceramisti del 1700. Il centro storico è caratterizzato da piccole piazzette, stradine strette, da antichi palazzi signorili risalenti al XVII- XVIII sec. e ancora oggi conserva intatta, nelle sue botteghe, l’arte ceramica che da secoli viene tramandata da padre in figlio. Ma oltre alla ceramica il borgo è conosciuto per la rinomata produzione di vino, olio e dei “taralli”: una sorta di biscotti fatti di acqua e farina, nelle sue varianti all’olio, al pepe e allo zucchero. Ma forse non tutti sapete che questo paesino, è nato, secondo la leggenda, da un bacio, ma la storia ve la lasciamo scoprire da soli, piano piano.
  • Guardiasanframondi: caratteristico borgo medievale ricco di arte, storia e cultura. Il centro storico si è sviluppato attorno al Castello dei Sanframondo, edificato nel 1139, e conserva ancora l’originario impianto urbanistico; esso è uno dei più importanti centri della cultura sannitica e con il suo intrecciarsi di viuzze e scalinate in pietra, con le sue fontane ed i lavatoi edificati sin dal medioevo, lascia il visitatore incantato davanti a così tanta suggestiva bellezza. Esso inoltre è la patria di ottimi vini, prodotti qui sin da epoche antichissime, e di pregevole olio extra-vergine di oliva, prodotto ancora secondo antiche tradizioni. Esso è attraversato dalla via Francigena del Sud, uno dei principali Itinerari Culturali Europei, che ripercorre la via Sacra dei Longobardi, che da Roma passando per Benevento prosegue verso la Puglia.

Degustazione in Azienda Vitivinicola

Rientro in hotel e pernottamento.

3° Giorno: PIETRELCINA – BENEVENTO E RIENTRO

Colazione in hotel. Per questa mattina vi proponiamo di dirigervi verso:

  • Pietrelcina: un pittoresco paese fatto da ampi viali, villette graziose, giardini, il tutto pervaso dai ricordi della nascita e dei primi anni di vita del Santo Frate. Un’antica porta ricorda le origini baronali del paese, a lato l’arco della Madonna: tre maioliche raffiguranti con artistica ingenuità San Michele, l’Incoronata e Sant’Antonio. In fondo, il “rione Castello” con le case secolari.
  • Benevento: Regina del Sannio, Benevento è adagiata su una collina in leggero declivio ai cui piedi si stende una e fertile pianura. Immersa nel verde delle sue montagne, è un vero museo a cielo aperto, celebre per i suoi monumenti di epoca sannita, romana e longobarda. Durante la nostra visita potremo ammirare il magnifico Arco di Traiano, il più bello nel suo genere, il Teatro Romano e la magnifica chiesa di S.ta Sofia, gioiello del Medioevo costruita dai Longobardi nell’ VIII sec. La città inoltre ha fama di essere magica e misteriosa: si crede che vi si aggirino degli spiritelli burloni che regalano monete d’oro ai bambini, detti scazzapurelli e, soprattutto, che sia abitata da streghe, stregoni e diavoli, non per niente il celebrato liquore Strega, è proprio originario di qui.