• Soggiorno per 2 persone

  • 3 giorni, 2 notti

199,90

Validità 12 mesi dall'acquisto

|

Scopri tutti gli altri pacchetti

Cuneo, il Castello di Racconigi e Saluzzo - PIEMONTE

Tre giorni per visitare Cuneo e il Saluzzese, una meta diversa in una parte del Piemonte poco conosciuta.

Esso comprende:

  • 2 notti in pernottamento e prima colazione in camera doppia
  • 1 Visita con degustazione in cantina

Il programma

1° Giorno: PARTENZA – CASTELLO DI RACCONIGI
Giunti in questa parte del Piemonte tra le province meno visitate dal punto di vista turistico, ci si potrebbe fermare per una visita al

  • Castello di Racconigi, residenza ufficiale del Ramo dei Savoia-Carignano e sede delle “Reali Villeggiature” della famiglia reale d’Italia nei mesi estivi e autunnali. Fa parte delle Residenze Sabaude entrate nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO. Al suo interno troviamo in parco progettato nel XVII secolo dal parigino André Le Notre nello stile alla francese, vale a dire costituito da lunghi viali e una rete di sentieri e da bacini d’acqua e aiuole fiorite.

Proseguimento per l’Hotel o altra Struttura Ricettiva, sistemazione nelle camere e pernottamento.

2° Giorno: SALUZZO – CARIGNANO E CARMAGNOLA
Prima colazione in Hotel o altra Struttura ricettiva. Oggi vi consigliamo di visitare la zona tra Saluzzese e Saviglianese, una parte di Piemonte che pochi conoscono ma che ci riporta indietro nel periodo Medioevale.

  • Saluzzo, stagliata contro la sagoma maestosa del Monviso, appoggiata sulle dolci colline che profumano di vino e di giardini storici, essa incarna con le terre del suo Marchesato, il miraggio di un medioevo fiabesco, celebrato da Boccaccio. Un viaggio nella suggestiva cittadina, con il suo centro storico tardo medievale, una magia di vie, scalinate, chiese ed eleganti palazzi nobiliari, regala alcuni preziosi gioielli artistici: casa Cavassa, la chiesa di San Giovanni, la cattedrale e la casa di Silvio Pellico.
  • Carignano, alla scoperta del bellissimo borgo medioevale che conserva ancora molti tratti originali; un affascinante viaggio nel tempo più antico, lungo l’ampia pianura bagnata dal fiume Po sita a sud di Torino e che riserva piacevoli scoperte artistiche. Durante la passeggiata sarà possibile scoprire, attraverso l’osservazione delle facciate, le storie ormai dimenticate delle grandi famiglie nobiliari, dai Provana ai Romagnano, dai San Martino della Morra ai Grimaldi, dai Portoneri ai Gianazio di Pamparato. Molte sono le strutture militari antiche residue, dalle caseforti alla lizza, dalle mura del XIV secolo al bastione di Po Morto.
  • Carmagnola, cittadina in cui si sono conservate notevoli tracce del passato medievale e rinascimentale, e la vicina abbazia di Santa Maria di Casanova.

Rientro in Hotel o altra Struttura Ricettiva e pernottamento.

3° Giorno: CUNEO – SANTUARIO DI VICOFORTE – CASTELLO DI FOSSANO
Prima colazione in hotel o altra struttura ricettiva. Prima di partire per tornare a casa ecco alcuni suggerimenti per un’ultima visita assolutamente da non perdere.

  • Cuneo, chiamata la città dei sette assedi, conserva ancora oggi il piano urbanistico di una città militare, un tempo circondata da mura massicce, con grandi piazze, strade porticate e bei palazzi appartenenti alle famiglie aristocratiche del passato. Il suo antico centro storico, che risale al XII secolo, rimanda al suo fiorente passato, a quando Cuneo era una delle città meglio fortificate del nord Italia.
  • Santuario di Vicoforte, un maestoso complesso di origine medievale, dedicato alla Natività di Maria “Regina Montis Regalis”. E’ una chiesa monumentale, tra le più importanti del Piemonte, con una cupola di forma ellittica, considerata la più grande al mondo per la sua dimensione. All’interno si possono ammirare oltre seimila metri quadrati di superficie affrescati da Felice Biella sul tema della Salvezza, nonchè il monumento con la statua di Margherita di Savoia, figlia del Duca, e la Tomba di Carlo Emanuele I di Savoia
  • Castello di Fossano, edificato come struttura difensiva da Filippo I di Acaia tra il 1324 e il 1332, venne trasformato dai Savoia in residenza signorile. Nei loggiati cinquecenteschi ha sede la biblioteca cittadina con oltre 144.000 volumi e di un fondo storico – composto da libri antichi, collezioni e documenti – di circa 15.000 testi. Non perdetevi l’impareggiabile vista sul Monviso e l’intero arco alpino che si gode dalle torri panoramiche.